Friday, January 27, 2006

Il Pianista

Leggendo lo stralcio dell’intervista rilasciata da Simon Wiesenthal, i miei pensieri sono volati ad un libro che ho letto qualche anno fa, poco prima dell’uscita dell’omonimo film; un libro intenso, crudo e buio come il periodo che viene fedelmente ritratto.

Il Pianista di Wladyslaw Szpilman

Il 23 settembre 1939 Wladyslaw Szpilman suonò il Notturno in C diesis minore di Chopin per la radio di Varsavia, mentre le bombe tedesche cadevano sulla città e il rumore era così forte da impedirgli di udire il suono del suo stesso piano. Fu l'ultima trasmissione dal vivo in onda a Varsavia: più tardi, quello stesso giorno, un ordigno tedesco distrusse la centrale elettrica e la stazione radio polacca fu ridotta al silenzio. Il libro ripercorre tutta la drammatica storia (1939-1945) del pianista che si articola tra la costrizione del ghetto di Varsavia, all’incubo della Notte dei Cristalli, per continuare con il racconto della interminabile fuga di Szpilman nella città assediata dai Nazisti. La vita del pianista fu salvata da un ufficiale tedesco che lo sentì suonare quello stesso Notturno su un piano trovato fra le macerie. Ironia della sorte, l’ufficiale nazista Wilm Hosenfeld, morì in un campo di concentramento russo.

Szpilman ha scritto un libro autobiografico (Una città muore ovvero "Il pianista") che venne pubblicato la prima volta in Polonia nel 1946.
Nel 1998 suo figlio scopre una copia del libro e la fa ristampare in tedesco con il titolo Das wunderbare Überleben aggiungendo parti del diario dell'ufficiale tedesco Wilm Hosenfeld e una postfazione di Wolf Biermann.
Ne viene tratto il film omonimo diretto da Roman Polanski, uscito nel 2002, vincitore della Palma d'Oro al 55° Festival di Cannes, nel quale Szpilman è stato interpretato dall'attore Adrien Brody, che per tale ruolo ha ottenuto l'Oscar al miglior attore.


2 Comments:

At 27/1/06 5:50 pm, Blogger Babba said...

Commento senza aver letto il posto...sono di fretta. Ho visto il fil al cinema quando uscì. Magari qualcuno si può stupire per il fatto che uno come me lo abbia visto...è un film molto bello, che vorrei rivedere (so che è stato trasmesso martedì o lunedì in tv). Lo vidi al mare in piena estate,mi sono venuti i brividi. Una scena che mi rimarrà impressa è lui al pianoforte in una casa delle tante case bombardate, lui si crede solo ma un Uff. tedesco lo "scopre" e si mette ad ascoltarlo. E se non erro lo aiuterà nella dura sopravvivenza!!

 
At 19/5/17 11:19 am, Blogger Ted Wallenberg said...

Se dipendesse da me andrei a prendere a uno a uno oltre che i VERMI nazi-comunisti - ex e contemporanei -, anche coloro che, in russia, HANNO ASSASSINATO WILM HOSENFELD! Poi vi spiegherò che ne farei... Altro che hitler, mussolini, stalin, assad, le ashton, gli haniyeh, gli arafat, i khamenei, gli erdogan, l'unesco, i mostri dell'onu e altri burattinai similari!!! Gli scapperebbe la voglia!!!

 

Post a Comment

<< Home