Saturday, January 14, 2006

IL SIGNIFICATO DELLA PAROLA DEMOCRAZIA

A proposito di un termine che viaggia nell’etere spesso, troppo spesso, a sproposito e che viene arbitrariamente utilizzato per i più disparati scopi e di cui si abusa per giustificare anche le più planetarie nefandezze, eccovi un testo di Bertolt Brecht, dal titolo doppio:
L’esame per ottenere la cittadinanza o Il giudice democratico, in Poesie II (1943-1956).

A Los Angeles davanti al giudice che esamina coloro che vogliono diventare cittadini degli Stati Uniti venne anche un oste italiano. Si era preparato seriamente ma a disagio per la sua ignoranza della nuova lingua durante l’esame della domanda: che cosa dice l’ottavo emendamento? rispose esitando: 1492.
Poiché la legge prescrive al richiedente la conoscenza della lingua nazionale, fui respinto. Ritornato dopo tre mesi trascorsi in ulteriori studi ma ancora a disagio per l’ignoranza della nuova lingua, gli posero la domanda: chi fu il generale che vinse la guerra civile? La sua risposta fu: 1492.
(Con voce alta e cordiale). Mandato via di nuovo e ritornato una terza volta, alla terza domanda: quanti ianni dura in carica il presidente? Rispose di nuovo: 1492. Orbene, il giudice, che aveva simpatia per l’uomo, capì che non poteva imparare la nuova lingua, si informò sul modo in cui viveva e venne a sapere: con un duro lavoro. E allora alla quarta seduta il giudice gli pose la domanda: quando fu scoperta l’America? E in base alla risposta esatta, 1492, l’uomo ottenne la cittadinanza.

Bello, no?, se fosse davvero così?

5 Comments:

At 15/1/06 3:14 am, Blogger Black Paul said...

..le domande che presuppongono, anzi, che (non) retoricamente dovrebbero imporre la risposta democrazia.. sono sempre meno, oggi.

L'unico che continua nominarla insistentemente è quel "buonuomo" del presidente..
Della Re(s)publica s'intende!!

 
At 15/1/06 3:59 am, Blogger Xbacco said...

Ciao cara.
Questa parola viene davvero usata come un intercalare.
Io la uso ora per dirti che democraticamente la prossima volta che tu e il tatta venite
da me sarai tu a scegliere il vino.
Lambrusco ovviamente.

Prosit

 
At 15/1/06 6:57 pm, Blogger Buridone said...

te lo dico...bolle scure, finalmente!!!

 
At 15/1/06 9:10 pm, Blogger Emiliano said...

Ciao Capitano,sono ancora io. Noi due ci inkontriamo sempre..

 
At 16/1/06 7:17 pm, Blogger Xbacco said...

Ciao Emiliano ben RITELETRASPORTATO fra noi
in che data astrale ti trovi?

 

Post a Comment

<< Home