Wednesday, February 15, 2006

da un.. ROMANZO CRIMINALE

Finalmente posso tirare un sospiro di sollievo.. è uscito oggi, in versione noleggio, il DVD di Romanzo criminale, film tratto dall'omonimo libro di Giancarlo De Cataldo. Molti dei frequesntatori del Diario del Capitano lo hanno già visto.. io non riporto i loro commenti ma dico soltanto che ascoltandoli mi è sempre venuta una irrefrenabile voglia di vederlo. Ho pensato però che vorrei, almeno per una volta, leggere prima il libro (più di 600 pp). Critica del libro

Il Libanese ha un sogno: conquistare Roma. Per realizzare quest'impresa senza precedenti mette su una banda spietata ed organizzata.
Le vicende della banda e dell'alternarsi dei suoi capi (il Libanese, il Freddo, il Dandi) si sviluppano nell'arco di venticinque anni, intrecciandosi in modo indissolubile con la storia oscura dell'Italia delle stragi, del terrorismo e della strategia della tensione prima, dei ruggenti anni '80 e di Mani Pulite poi. Per tutto questo tempo, il commissario Scialoia dà la caccia alla banda, cercando contemporaneamente di conquistare il cuore di Patrizia, la donna del Dandi.
Tratto dall'omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo il film di Michele Placido si rivela come la sua opera più compiuta e più complessa sul piano stilistico. Il regista/attore è riuscito a realizzare una fusione agile (e non fa pesare le due ore e mezza di proiezione) tra il suo cinema di impegno civile, il livello della ricostruzione anche cronachistica e (cosa che sembrava ardua considerato l'esito in particolare del suo ultimo film) il versante letterario. Narrazione pura, storia patria e caratteri ben delineati ma mai stereotipi danno luogo a un film "all'americana" nel senso non deteriore del termine. Questi piccoli delinquenti feroci che sono riusciti a terrorizzare Roma per anni finendo poi invischiati in trame più grandi di loro vengono seguiti con finezza psicologica e con grande attenzione anche sul piano lessicale. Sono 'veri', in qualche momento possiamo anche quasi 'capire' il perché del loro agire ma Placido non li 'giustifica' mai. In questo aiutato da un gruppo di protagonisti tutti assolutamente adatti alla parte assegnata. Con, in più, una dark lady interpretata da Anna Mouglalis vero perno dei rapporti tra il mondo dei 'buoni' (Scialoia) e quello di coloro che buoni non saranno mai perché costantemente spinti da quello che il loro socio mafioso definisce un 'sentimento nobile': la vendetta.

Note
- VINCITORE DEL NASTRO D'ARGENTO 2006 PER: MIGLIOR FILM ITALIANO, PRODUTTORE (RICCARDO TOZZI, MARCO CHIMENZ E GIOVANNI STABILINI), ATTORI PROTAGONISTI (KIM ROSSI STUART, PIERFRANCESCO FAVINO, CLAUDIO SANTAMARIA), MONTAGGIO, SONORO IN PRESA DIRETTA (MARIO IAQUONE).

- IL FILM ERA CANDIDATO AL NASTRO D'ARGENTO 2006 ANCHE PER: SCENEGGIATURA, ATTORE NON PROTAGONISTA (GIANMARCO TOGNAZZI), FOTOGRAFIA, SCENOGRAFIA, COSTUMI.


Produzione: Warner Home Video
durata: 152 min.
DVD 5 Singolo strato (Formato schermo 2,35:1) PAL Area 2
Lingua/Audio: italiano, Dolby Digital 5.1
Sottotitoli: italiano - inglese - italiano per non udenti


Romanzo criminale come ‘crime novel’. O come un C’era una volta in Italia, perché no?

9 Comments:

At 15/2/06 11:03 pm, Blogger missmaggia said...

grandissimo!!!!!!!!!
io voto 'cinema italiano' sia alle politiche che alle amministrative!

penso che andrò a noleggiare il film di nuovo....anzi si potrebbe organizzare una visione per tutta la ciurma del capitano! che dite?

santamaria nel ruolo del Dandi è strepitoso, per non parlare del Freddo! Kim Rossi Stuart...bravissimo!
e non lo dico da appartenente al pubblico femminile...

il film non annoia e cerca di approfondire momenti e accadimenti del nostro passato più o meno recente, ancora caratterizzati da profondi chiaroscuri!
e adesso anche il libro mi incuriosisce...

OT x bp: dammi subito i nomi e i cellulari di quei miscredenti!!!!

 
At 15/2/06 11:06 pm, Blogger StarPitti said...

Calma calma.....

Vi siete dimenticati del Nero, interpretato da Scamarcio (il famoso Step di 3metrisoprailcielo).

La scena della Stazione di Bologna mi ha fatto sobbalzare sulla poltrona del cinema.....

La visione si può organizzare, una domenica di carnevale, per esempio a casa mia. Non questa però.


Cia

 
At 15/2/06 11:34 pm, Blogger Union-Jack said...

mi avete fatto vederi il voglino....

 
At 16/2/06 12:30 am, Blogger Black Paul said...

sapendo con chi ho a che fare, posso dire che lo scopo del post era proprio questo..

bravi tutti..

 
At 16/2/06 12:41 am, Blogger Black Paul said...

il libro lo si trova anche on-line ad uno dei link che ho messo.. se lo compra l' si risparmiano anche 2 o 3 euro.. soccia.. Farò comunque in modo di procurarmelo al più presto.

Mi piace questa bazza di lanciare i film e poi discuterne assieme.. mi butto sulla rubrica?!?!

off topic --> Maggia.. le iniziali sono FF.. ed ha un 339/xxxxxxx di più non posso.. al momento!!

 
At 16/2/06 8:22 am, Blogger Babba said...

OT-Senza indizi. Io il film l'ho visto al cinema con Starpitti e parte dell'attuale ciurma!! Spettacolare. Concordo con Starpitti che la scena della stazione di Bologna ti lascia un po' spaesato, forse perchè ci sono stato più volte, forse perchè non te l'aspetti. Incredibile la freddezza con cui "si seccano" le persone nel film. Brivido!

 
At 16/2/06 10:51 am, Blogger Pastaboy said...

GRANDISSIMO FILM RAGAZZI GRANDISSIMO FILM !

UN RITMO INCALZANTE PER TUTTA LA DURATA NON ADDORMENTA LO SPETTATORE KE RIMANE SCONCERTATO DAI MOLTI RIFERIMENTI E SUPPOSIZIONI KE VENGONO FATTE IN MERITO AD AVVENIMENTI ,ANKORA SENZAUNA SPIEGAZIONE , KE HANNO KARATTERIZZATO GLI ANNI PIU' SCURI
DEL NOSTRO PAESE !

E POI SIGNORI MIEI DOVE LA LASCIAMO LA COLONNA SONORA : STUPENDA!RIVISITATI E RIPRESI TUTTI I TEMI DI MAGGIOR SUCCESSO DEL TEMPO.

DAI C STO PER RITROVARSI PER UNA VISIONE IN COMUNELLA!

OT : OH AL ZNOCH AL TACA A GIRER SPEREM !
OT 2 : MARY PROPRIO BELLA NELLA FOTO COMPLIMENTI!

PASTABOY
ke ve lo diko a fare , cià belli!

 
At 16/2/06 6:58 pm, Blogger Buridone said...

bella l'idea di vederlo una domenica del carnevale...pensi di farci scappare il morto? magari sparando dalla finestra?

film davvero ben fatto.
i primi 20 minuti il romano stretto mi ha creato qualche problema di comprensione, ma l'intreccio è ottimo, scivola bene e gli attori sono al top. Un invito agli spettatori a non cadere in un comune tranello (in cui io non sono cascata per aver letto un'intervista al regista): gli avvenimenti storici paralleli alla storia della magliana sono narrati per inquadrare il momento che viveva il nostro paese, non per suggerire letture forzate e non comprovate.

 
At 17/2/06 2:50 pm, Blogger Black Paul said...

Direi con buona approssimazione che sono entrato in possesso del film in questione.. e anche della copertina del dvd..

Attendo solo istruzioni per la proiezione..

 

Post a Comment

<< Home