Tuesday, March 28, 2006

I commercianti ringraziano...

Beccatevi l'ultima del Cofferone. Commentino pure lor signori...

BOLOGNA

5 euro al giorno per entrare in centro

Nuove tariffe per chi non ha il permesso di accesso. Ma si potrà fare solo per tre vole al mese





BOLOGNA, 28 MARZO 2006 - Da fine aprile entrare nel centro storico di Bologna senza il permesso per i residenti costera' 5 euro al giorno. Ma lo si potra' fare solo per tre volte al mese e solo se gli accessi previsti per quel giorno non sforeranno la soglia del 2% rispetto alla media. E' questa la garanzia chiesta (e ottenuta) dalla Margherita che ha l'ok al provvedimento, licenziato oggi dalla Giunta guidata da Sergio Cofferati, dopo le perplessita' manifestate a piu' riprese all'interno della stessa maggioranza. L'altro biglietto, quadrigiornaliero (da 96 ore), costera' invece 12 euro. L'assessore alla Mobilita', Maurizio Zamboni, conta di fare partire i ticket a pagamento per il centro (acquisto in edicola e tabaccheria come per il "Gratta-e-sosta", poi una telefonata o un sms per comunicare il numero di targa) gia' dalla fine del prossimo mese. "Spero che si possa attivare il sistema entro la fine del mese di aprile", confida l'assessore al termine della riunione di giunta. Tra i pilastri della delibera approvata questa mattina (ma lungamente discussa nei giorni scorsi con l'assessore Dl alla Sanita', Giuseppe Paruolo) l'incompatibilita' tra il biglietto giornaliero e il quadrigiornaliero nello stesso mese, visto che il limite per gli ingressi "eccezionali" e' di tre volte al mese mentre la somma dei due ticket darebbe cinque giorni. A cio' si aggiunge la soglia del 2% sugli accessi del giorno feriale medio, dunque circa 38 mila-40 mila accessi: se e' previsto il superamento di quel limite per un dato giorno, pari a circa 800 ingressi, il Comune blocchera' la concessione dei permessi per quel giorno. In pratica l'automobilista si sentira' rispondere dall'Atc (che gestira' tutto il sistema con l'aiuto di Sirio) che "non c'e' piu' posto per quel giorno". Inoltre l'ingresso a pagamento "non supera gli eventuali provvedimenti straordinari", spiega Zamboni cioe' ad esempio la pedonalizzazione della domenica o eventuali blocchi.

Monday, March 27, 2006

In Bocca al Lupo / In culo alla balena Pastaboy



Un in bocca al Lupo al nostro Pastaboy che martedì (oggi) si è sottoposto ad un delicato intervento chisurgico. Allego una foto del Pasta. A questo punto per sdrammatizzare proporrei un sondaggiono. In quale parte del corpo sarà operato??:
  1. Borsa;
  2. Ginocchio;
  3. Testa;
  4. Altro...
Scherzi a parte, mi permetto un abbraccio forte da parte mia e dai Contributors del Blod del Capitano!!!
Forza Pastaboy!!! Tin Bota!!!

"Good luck, Mr. Gorsky!"

Riporto una famosa leggenda metropolitana che mi venne raccontata da Picca durante una delle tante pause caffè in biblioteca, quando eravamo ancora studenti e non capivamo ancora nulla. Ad oggi, dopo qualche anno, capiamo ancora poco, non siamo ahimè più studenti ma fa sempre un certo effetto rileggerla.

Beati noi che non capivamo un....


Il 20 luglio 1969, il comandante del modulo lunare Apollo 11 Neil Armstrong, primo uomo a mettere piede sulla Luna, appena scese sul suolo lunare pronunciò le celebri parole: "Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un passo da gigante per l'umanità" che furono trasmesse alla terra e ascoltate in diretta da milioni di persone. Alla fine della sua "passeggiata", appena prima di rientrare nel LEM, Armstrong avrebbe poi aggiunto un'enigmatica esclamazione: "Buona fortuna, signor Gorsky!" Molte persone alla NASA pensarono si trattasse di una citazione a proposito di un cosmonauta sovietico, ma, dopo aver controllato, si accorsero che non c'era nessun Gorsky, né nella lista del programma spaziale russo, né in quello americano. Nel corso degli anni seguenti, molti giornalisti chiesero ad Armstrong cosa intendesse dire con quella frase, ma il cosmonauta evitò sempre di spiegare la sua esternazione, dicendo che si trattava di una cosa personale. Il mistero durò fino al 5 luglio 1995 quando a Tampa Bay in Florida, durante la conferenza stampa a margine di un discorso, un reporter rifece ad Armstrong la domanda ormai vecchia di 26 anni: "Chi era Mr. Gorsky?" Finalmente questa volta Armstrong si decise a rispondere giacché il signor Gorsky era ormai morto e Armstrong ritenne di poter svelare il mistero senza più creare imbarazzo a nessuno. Dunque, nel 1938 Armstrong era un ragazzino di otto anni di una piccola città del Midwest e stava giocando a baseball con un amico in cortile. Il suo amico colpì la palla, spedendola nel giardino dei vicini e la palla atterrò proprio di fianco alla finestra della camera da letto della casa. I vicini erano proprio il signor e la signora Gorsky. Come fece per raccogliere la palla, il giovane Armstrong udì la signora Gorsky urlare al marito: "Sesso orale?! Tu... vorresti del sesso orale? Ti farò del sesso orale quando il ragazzo della porta accanto camminerà sulla Luna!" Ovviamente si tratta di una storiella inventata, che però il passaparola della rete l'ha enfatizzata al punto che la NASA, nelle trascrizioni ufficiali dell'Apollo 11, ha ritenuto di dover specificare ufficialmente che di quella frase non c'è traccia alcuna. Nel novembre del 1995 lo stesso Neil Armstrong ammise di averla sentita per la prima volta raccontata dal comico americano Buddy Huckett.

Friday, March 24, 2006

Odori forti...il cuscino scoreggione!!!

Ve lo ricordate? ho preso in prestito la versione inglese perche', incredibile ma vero, non sono riuscito a trovarlo su siti italiani. Per i più raffinati, ovvero chi nega di averne mai visto uno dal vivo, spiego brevemente il funzionamento del "cuscino scoreggione" o scoreggiante che dir si voglia. In pratica lo si gonfia e lo si mette su di una sedia su cui viene fatto sedere la vittima dello scherzo....risultato.....PRAAAAAAAAAAAAAA! Insomma siamo proprio a dei livelli terra-terra.
Anzi oramai che siamo cresciuti, non fa neppure ridere(!!). In realtà non è proprio di questo di cui volevo parlare. Ma trattasi di argomento correlato. L'altro giorno leggevo il giornale che viene distribuito gratuitamente sulla metropolitana di Londra, il METRO per l'appunto. In copertina ti trovo una elegante sedia da ufficio in pelle (non umana) e al suo fianco un primo piano di S.S. (meglio mantenere l'anonimato), una ex-insegnante di 48 anni che ha da poco lasciato il suo posto (stipendio da 67000€ all'anno) una scuola privata inglese. Il motivo??? LA SEDIA SCOREGGIONA!!! Ebbene, la malcapitata era stanca di doversi continuamente scusare di fronte ad alunni, genitori e colleghi ogni qualvolta la sedia emetteva un fastidioso rumore in tutto e per tutto simile ad una flatulenza. Fin qui tutta la mia simpatia e comprensione.........un momento, qualcosa mi sfugge! Sogno o son desto, il nocciolo dell'articolo non è tanto la sedia maleducata bensi' la richiesta di un milione e 400000 EURI come indennizzo per i 17 anni di stipendio e bonus pensione a cui ha dovuto rinunciare con il suo licenziamento???????? io la sedia nuova me la sarei portata da casa oppure me ne sarei sbattuto i cosiddetti.............non c'e limite al peggio!

MORALE: se la vostra sedia a lavoro fa rumori strani, fossi in voi io comincerei a preoccuparmi seriamente.....il capo vi vuole silurare. Ma voi ora potete difendervi con questo: un cuscino speciale che assorbe odori e rumore!!!! oppure potete passare al contrattacco con la versione riveduta e aggiornata del cuscino..........la scoreggia telecomandata!

Come dire, tutto questo parlare di politica mi smuove l'intestino.

Wednesday, March 22, 2006

Una nuova casa per il Diario?!?

Pensavo che sarebbe stata una ottima cosa citare le parole di Starpitti, giusto come inizio. In queste si faceva rifetimento a tanti aspetti che avrebbero potuto investie il futuro di questo blog... se non ricordate.. date una letta

[..] pensavo quindi, sotto la spinta dei numerosi contributors, di continuare a pubblicare video e indire un premio per il miglior video del blog. Stiamo preparando quindi alcune sorprese che presuppongono l'utilizzo di tools, come sondaggi on-line, che ci permetteranno di saggiare l'effettivo gradimento dei video.... e non solo.

...preparatevi perchè i traguardi del blog sono ancora molti, uno su tutti, il primo compleanno! Preparatevi al Captain's Blog Awards 2006. Speriamo per allora di essere riusciti a suddividere i post anche per categoria (Buridone docèt), un'impresa non facile senza l'ausilio di nuovi strumenti (nuovi software, almeno per me e BP, ufficialmente l'Admin aggiunto del Blog), quali ad esempio Wordpress...magari su dominio indipendente e non proprietario. Lancio il sasso BP.....e se il buon vecchio DM non avesse tanti IMPEGNI, compreso il nuovo elemento in famiglia (non sto parlando di Alice...) ci darebbe sicuramente una mano [..]

All'interno di queste parole ho trovato uno spunto, e anche informazioni, che mi sono servite per poter iniziare a lavorare ad un progetto che ci può riguardare tutti..Beh.. dai.. sto parlando di un nuovo blog.. un nuovo Diario del Capitano, più fruibile da parte di tutti i contributors.. nel quale sia possibile postare in base ad argomenti, avere diverse categorie, un archivio ben suddiviso, commenti sempre aggiornati, pagine differenti per argomenti differenti.. e chi più ne ha più ne metta. Le funzioni, e la funzionalità del blog che si sta cercando di realizzare, sono innumerevoli, negli ultimi tre giorni ho cercato di costruire una interfaccia, semplice, gradevole ma soprattutto intuitiva La piattaforma che ho utilizzato è qulla fantastica "cosa" chiamata Wordpress. Esso integra la potenza di un linguaggio (interpretato) come PHP con la gestione di un database (in questo caso MySql). Wordpress è uno strumento molto flessibile ma, quando viene installato, è piuttosto scarno. Ovviamente sarebbe già più che sufficiente.. ma sapete com'è.. si cerca sempre di fare qualche cosa in più.. Ho tovato non poche difficoltà nel gestire tuto questo.. per non parlare poi delle funzioni del servere (Apache) quindi vi chiedo un cortesia: ditemi cosa ne pensate e, se volete, anche alcuni suggerimenti; ovvio è che vorrei anche sapere se sareste contenti di una migrazione oppure no. E adesso tutti a visitare il Diario del Capitano under construction


Tuesday, March 21, 2006

UN PO' DI ANDY ?

Andy Warhol nasce a Pittsburgh, Pennsylvania, nel 1928.
Tra il 1945 e il 1949 studia al Carnegie Institute of Technology della sua città.
Quindi, si trasferisce a New York, dove lavora come grafico pubblicitario presso alcune riviste: "Vogue", "Harper's Bazar", "Glamour". Fa anche il vetrinista e realizza le sue prime pubblicità per il calzaturificio di I. Miller.
Nel 1952 tiene la prima personale alla Hugo Gallery di New York. Disegna anche scenografie.
Nel 1956 Warhol espone alcuni disegni alla Bodley Gallery e presenta le sue Golden Shoes in Madison Avenue. Effettua alcuni viaggi in Europa e Asia.
Intorno al 1960 Andy Warhol comincia a realizzare i primi dipinti che si rifanno a fumetti e immagini pubblicitarie. In queste prime opere compaiono personaggi noti, come Dick Tracy, Popeye, Superman e le prime bottiglie di Coca Cola.
Nel 1962 Warhol inizia a utilizzare la tecnica di stampa della serigrafia, rivolgendo l'attenzione alla riproduzione di immagini comuni, degne del titolo di "icone simbolo" del suo tempo. Tratta anche temi carichi di tensione, come i Car Crash (Incidenti automobilistici) e Electric Chair (sedia elettrica). Partecipa alla mostra che la Sidney Janis Gallery di New York dedica al Nouveau Réalisme.
Negli anni successivi decide di abbracciare un progetto più vasto, proponendosi come imprenditore dell'avanguardia creativa di massa. Per questo fonda la Factory, che può essere considerata una sorta di officina di lavoro collettivo.
Nel 1961 Warhol incontra per la prima volta Ivan Karp. Grazie a lui entra in contatto con il gallerista Leo Castelli. Inizia, così, il lungo rapporto di lavoro tra i due.
Nel 1963 Warhol comincia a dedicarsi al cinema. Produce due lungometraggi: Sleep e Empire (1964).
Nel 1964 espone alla Galerie Sonnabend di Parigi e da Leo Castelli a New York. Per il Padiglione Americano alla Fiera mondiale di New York realizza i Thirteen Most Wanted Men. L'anno successivo espone all'Institute of Contemporary Art di Philadelphia.
Fallito il tentativo di fondare un gruppo musicale con La Monte Young e Walter de Maria, nel 1967 si lega al gruppo rock dei Velvet Underground. Finanzia il primo disco e disegna una famosa copertina. ( LA BANANA GIALLA ! )


Nel 1968 rischia la morte, all'interno della Factory, per l'attentato di una squilibrata: Valerie Solanas, unico membro della S.C.U.M. (una società che si propone di eliminare gli uomini).
Espone al Moderna Museet di Stoccolma. Pubblica il romanzo A: a novel.
Nel 1969 produce il primo film in collaborazione con Paul Morissey. Si tratta di Flash, cui seguiranno Trash nel 1970, e Heat nel 1972.
Nel 1969 fonda la rivista "Interview", che da strumento di riflessione sul cinema amplia le sue tematiche a moda, arte, cultura e vita mondana.
A partire dal 1969, fino al 1972, Andy Warhol esegue ritratti, su commissione e non. Scrive anche un libro: La filosofia di Andy Warhol (Dalla A alla B e ritorno), pubblicato nel 1975.
Nel 1976 espone a Stoccarda, Düsseldorf, Monaco, Berlino e Vienna. Nel 1978 a Zurigo. Nel 1979 il Whitney Museum di New York organizza una mostra di ritratti di Warhol, intitolata "Andy Warhol: Portraits of the 70s".
Nel 1980 Andy Warhol diventa produttore della Andy Warhol's TV.
Nel 1982 è presente alla Documenta 5 di Kassel. Nel 1983 espone al Cleveland Museum of Natural History e gli viene commissionato un poster commemorativo per il centenario del Ponte di Brooklyn.
Nel 1986 Warhol si dedica ai ritratti di Lenin e ad alcuni autoritratti.
Negli ultimi anni si occupa anche della rivisitazione di opere dei grandi maestri del Rinascimento: Paolo Uccello, Piero della Francesca, e soprattutto Leonardo. Ispirandosi proprio a Leonardo, ricava il ciclo The Last Supper (L'ultima cena). Realizza anche alcune opere a più mani con Francesco Clemente e Jean-Michel Basquiat.
Andy Warhol muore a New York nel 1987, nel corso di una banale operazione chirurgica.
Nella primavera del 1988 10.000 oggetti di sua proprietà vengono venduti all'asta da Sotheby's per finanziare la Andy Warhol Foundation for the Visual Arts.
Nel 1989 il Museum of Modern Art di New York gli dedica una grandiosa retrospettiva.


ATTIVITA' DI ANDY WARHOL

Andy Warhol è considerato uno dei principali esponenti della Pop Art americana.
Va ricordata la sua idea di una produzione collettiva, e quasi industrializzata, dell'opera d'arte. Esemplare in questo senso è la vita della Factory, all'interno della quale nascono e si sviluppano soluzioni d'avanguardia in diversi campi, come l'arte, il cinema e la musica
Cerca di trasformarsi da artista commerciale in artista d'affari, assecondando così una sua celebre affermazione: "... Fare soldi è arte. Lavorare è arte. Un buon business è la migliore opera d'arte
A poco a poco, allarga il campo da questa sorta di letteratura popolare di largo consumo alle nuove icone e alle figure simbolo della sua epoca: i dollari, la Coca Cola, le lattine di Campbell Soup. Inizialmente lavora a mano libera, secondo i procedimenti tipici del linguaggio pubblicitario: l'essenzialità, l'uso del contorno netto. Quindi scopre la serigrafia. A questo procedimento tecnico si applica dapprima in modo semiartigianale, ma poi, con maggiore complessità.
La serigrafia gli consente di manipolare e moltiplicare a piacere le immagini, arrivando a una produzione che si può considerare quasi "di massa".
Tra i soggetti riprodotti figurano alcuni miti del suo tempo: Jaqueline Kennedy, Marilyn Monroe, Liz Taylor, Elvis Presley, il presidente Mao Tze Tung. Utilizza lo stesso procedimento anche per raffigurare eventi atroci: i Car Crash (incidenti automobilistici), Electric Chair (sedia elettrica), la Morte di Che Guevara. Li affiancano in modo spregiudicato soggetti decorativi e piacevoli: i Flowers (fiori), la mucca (Cow).
Crea anche oggetti e installazioni, estendendo il suo procedimento alla presentazione di oggetti nello spazio. Indicative in questo senso sono le sue accumulazioni di imballaggi: Brillo (1964), Kellogg's Boxes (1971).
Tra i mezzi espressivi adottati da Andy Warhol spicca anche il cinema. Warhol vi si dedica con entusiasmo a partire dal 1963. Riprende le sue tematiche e le sue ossessioni (sesso, cibo, morte). Sperimentale e "primitivo", non si avvale quasi mai di attori professionisti, ma di semplici conoscenti e amici, ripresi negli atti quotidiani e, talvolta, in atteggiamenti intimi.


MUSEI DI ANDY WARHOL

The Andy Warhol Museum / Pittsburgh, PA - USA

The Baltimore Museum of Art / Baltimore, MD - USA

Monday, March 20, 2006

Confindustria...Nota bene!

Al di là di ogni interpretazione politica che nasce leggendo un articolo, ascoltando un telegiornale o qualsiasi altra opinione esposta attraverso mezzi d'informazione, quello che mi lascia stupito è come si possa evitare di fornire all'opinione pubblica tutti gli elementi necessari per una corretta visione dei fatti. Ho cercato la nota di Confindustria sulla polemica nata dall'intervento del Presidente del Consiglio di sabato scorso, e con mio grande stupore, mi sono accorto che non era stata pubblicata integralmente dai giornali in edicola domenica (vuoi lo sciopero di parte della carta stampata). Inoltre era stata brevemente liquidata dai telegiornali con un No-Comment del Presidente Montezemolo. Ma dov'è il testo ufficiale ed integrale di questa benedetta nota rilasciata da Andrea Pininfarina, vicepresidente. Perchè il TG1 ha palesemente glissato sulla reazione della confindustria concentrandosi esclusivamente su sterili risse verbali scatenate dai politici delle 2 diverse fazioni, risse che non hanno fatto altro che accellerare quel processo di involuzione elettorale che stiamo subendo, ed in parte sostenendo. Ma chissenefregà di MaroniDilibertoPecoraroScagnoRosibindiScajolaBertinottiFiniCasini. Chevvelodicoaffare!

Dopo aver ampiamente ascoltato il riassunto dell'evento nazionale organizzato per poter discutere della competitività delle imprese italiane, del rilancio e via discorrendo, dopo aver ascoltato l'intervento di Berlusconi, avrei gradito ascoltare un'immediata risposta dei padroni di casa, bersagli della polemica scatenata.

Niente....ho dovuto aspettare il lunedì, e andando a "naso" (o a "nano"?), l'unico articolo che la riporta quasi integralmente e senza commenti proviene dal Sole24Ore. (peraltro tirato dentro a sorpresa sabato durante il convegno).
Immagino che la direzione di Confindustria abbia ben ponderato la risposta, ma per l'ennesima volta devo constatare che la prontezza di riflessi, il cinismo e l'apparente noncuranza degli organi d'informazione storici nell'occultare ogni forma di reazione, è stata veramente avvilente.

Non paghi di queste ovvie omissioni, sono nate versioni discordanti sulla polemica, generate da sensazionalismi e stravolgimenti che hanno buttato tutto ancora più nel caos.

Vorrei un telegiornale muto che proietti le immagini e i filmati, che mi lasci libero di interpretare, che non stravolga la realtà, che non censuri. Anche in questo caso la blogosfera è stata molto più diretta e precisa...che sia il caso di smetterla di sorbirsi i telegiornali per potersi costruire una informazione su misura, arrogandosi il diritto di decidere cosa va letto e cosa no senza che qualcuno lo faccia per te?

Che sia il caso di abbassare i toni?

Parola a Confindustria.....

Voler chiedere a Confindustria di aderire a opzioni di schieramento partitico rappresenta una forzatura inaccettabile e un attacco alla natura stessa della rappresentanza del sistema delle imprese.

«Per questo lo respingiamo nel modo più fermo». Il Comitato di presidenza di Confindustria replica così all’intervento di sabato di Silvio Berlusconi al convegno di Vicenza. Il vertice dell’organizzazione ribadisce in una nota di «non volersi prestare ad operazioni di propaganda partitica da parte di nessuno». E respinge con fermezza «l’inaccettabile » e «prepotente tentativo di delegittimare Confindustria e le decine di migliaia di imprenditori che riescono a coniugare l’impegno civile e associativo con il successo delle loro imprese sui mercati». Il riferimento, evidente, è all’invito di Berlusconi alla platea degli imprenditori di «stare di più nelle proprie aziende e meno in Confindustria». Un appello che non poteva che suscitare malumori in Viale dell’Astronomia. Anche perché il convegno di Vicenza «aveva esattamente l’obiettivo di porre al centro del dibattito politico le esigenze dell’economia e delle imprese. Questo è stato possibile finché sono state rispettate regole chiare e preventivamente concordate». Un convegno che era «aperto a cittadini, amministratori pubblici e rappresentanti politici, peraltro — continua la nota — curiosamente aumentati ieri nella parte finale della mattinata». Poco prima dell’intervento del premier. Confindustria, insomma, «è, e intende restare, un’associazione libera e indipendente». Un’organizzazione che «trae la sua autorevolezza e la sua capacità di proposta da una consolidata autonomia di giudizio che le consente di rappresentare gli interessi delle imprese, piccole e grandi, e quindi di tutti i suoi associati».

Ridere è una cosa seria!

Esponenti dei più diversi ambienti e discipline concordano sul fatto che ridere non è solo piacevole ma svolge un ruolo attivo nei processi naturali di guarigione. Aristotele insegnava che un neonato acquisisce la condizione di persona solo quando inizia a sorridere; un antico detto cinese consiglia, per essere sani, di ridere almeno 30 volte al giorno.

Perchè?
  • Durante una risata di gusto si contraggono circa 400 muscoli e si bruciano calorie.
  • Cinque minuti di risate equivalgono a 45 minuti di esercizio aerobico.
  • Quando si ride, le funzioni respiratorie ne traggono beneficio e l'oosigeno nel sangue aumenta in maniera significativa.
  • Essendo impossibile penare e ridere nello stesso momento, la risata è un antidoto contro le fissazioni e i pensieri negativi.
  • Si potenzia il sistema immunitario, migliora la digestione, diminuisce lo stress e si secernono ormoni che stimolano l'attività cardiaca.
  • Quando ridiamo produciamo endorfine, sostanze che contribuiscono ad alleviare la sensazione di dolore.
La medicina non aveva preso in seria considerazione le proprietà terapeutiche del riso fino a quando Norman Cousins, un giornalista statunitense specializzato in temi di salute, decise, nel 1976, di utilizzarlo per autocurarsi da una malattia estremamente dolorosa, la spondilite anchilosante. Cousins aveva la sensazione che, finchè fosse rimasto ricoverato, le sue condizioni sarebbero peggiorate di giorno in giorno. La prognosi dei medici era totalmente scoraggiante: malattia incurabile e con tendenza a peggiorare; così, spacciato per spacciato, decise di tornarsene a casa e curarsi da solo... con i film di Chaplin e dei fratelli Marx. Grazie a questi, dieci minuti di grasse risate gli consentivano di godere di un paio d'ore senza dolore. Dopo qualche mese la sua malattia dava segni di evidente miglioramento. Nel 1978, completamente guarito, pubblicò un libro che fu acolto con un certo scetticismo dalla comunità scientifica, fino a quando, nel 1985, un aricolo del The Journal of the Royal College of General Practitioners dimostrò per la prima volta che la risata presenta realmente grandi proprietà medicinali.

Monday, March 13, 2006

La musica dei ricordi.. ogni settimana /2


Questa settimana il Diario del Capitano accontenta le richieste di un suo contributor..

Riporto le parole del Babba
Per la canzone della settimana io proponevo Punk rock songs dei Bad Religion....in ricordo della mia vena Hard / Rock del liceo. Attendo spiegazioni per come fare!!

In attesa di queste fantomatiche spiegazioni.. cerco di accontentarti.

Per tutti cooro che sono interessati alle canzoni.. ho cercato di ovviare, seppur in modo ingenuo, ai problemi dei più (velocità di download, file parziali, diritti d'autore..) è ho fatto l'unica cosa che mi è venuta in mente.. le conseguenze sono queste.

Bad Religion --> Punk rock songs


Ovvio è che l'audio non è perfetto.. ma a certi inconvenienti si può ovviare.. con le bestie da soma

Paperon de Paperoni... secondo Forbes

Per il dodicesimo anno consecutivo, Bill Gates con i suoi 50 miliardi di dollari si è confermato come l'uomo più ricco del mondo.

Ad affermarlo è ancora una volta la classifica annuale dei più opulenti stilata dall'autorevole magazine Forbes che anzi nota come rispetto all'anno scorso Gates abbia staccato il suo "diretto inseguitore", l'amico di lunga data Warrem Buffet, la cui fortuna è valutata in 42 miliardi di dollari.

La donna più ricca, sempre secondo questa classifica, è invece Liliane Bettencourt, ereditiera de l'Oreal. La Bettencourt si pone al sedicesimo posto globale con 16 miliardi di dollari

Nelle prime dieci posizioni, un tempo quasi monopolizzate dai grandi della tecnologia, si fanno vedere "nuovi" nomi e volti impegnati in altri settori. A "resistere" è Paul Allen, co-founder di Microsoft e imprenditore tecnologico su diversi fronti, salito nell'ultimo anno dalla settima alla sesta posizione.

Più giù si trovano i nomi di Micheal Dell, fondatore dell'omonima azienda costruttrice di PC, la prima al Mondo, che deve "accontentarsi" di 17,1 miliardi di dollari e Larry Ellison, CEO di Oracle, "fermo" a 16 miliardi.

Le cronache poi segnalano che al 26esimo e 27esimo posto si trovano i fondatori di Google, Sergey Brin e Larry Page, rispettivamente con 12,9 e 12,8 miliardi di dollari.

Il primo italiano, al 37esimo posto, è Silvio Berlusconi, valutato 11 miliardi di dollari.

Spiccano poi altri italiani eccellenti, lascio a voi scorrere la lista. Anzi cercate Giorgio Armani, forse vi sorprenderà.

Ma come spendono i propri soldi i miliardari? Il tycoon dell'acciaio Lakshmi Mittal, ad esempio, non ha badato a spese quando la propria figlia si è sposata. Ha organizzato l'alloggio per ben 1000 invitati a Parigi, e si è "permesso" di affittare nientemeno che la reggia di Versailles.
Non contento, ha comprato una villa a Londra per 128 milioni di dollari, la quale risulta ad oggi essere la residenza privata più costosa al mondo.
Nel 2005, ben 2,7 milioni di americani hanno guadagnato più di un milione di dolari. Il tipico milionario americano è mediamente un uomo di 57 anni, sposato e con tre figli.

E' una notte buia e tempestosa. Bill Gates si aggira per i corridoi della Microsoft Corporation assetato di.. Coca Cola! Arriva al distributore ma l'uomo più ricco del mondo non ha monetine per comprarsi una lattina di Coca Cola.

Il video risale a circa 10 anni fa (non fatevi ingannare dalle apparenze: Gates è da 12 anni l'uomo più ricco del mondo!) ed è stato realizzato come pubblicità tv per la Coca Cola. (è comunque un video poco noto!)

Altra nota: Microsoft Corporation distribuisce GRATUITAMENTE ai suoi dipendenti quasiasi tipo di bevanda: dal caffe alla Coca Cola. Forse proprio per evitare questi spiacevoli inconvenienti?

Fonti: deluxeblog.it - Punto-Informatico

Saturday, March 11, 2006

COFFEE BREAK /3

FOTO DELLA SETTIMANA


COFFEE BREAK /3


Religione/ Il Vaticano dice sì all’ora di religione
musulmana nelle scuole
italiane. Si studierà il Corano.
Una vera e propria svolta nelle relazioni
tra Islam e Santa Sede: il cardinale Raffaele Renato
Martino, presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e pace, ha
accolto così la proposta dell’Ucoii (Unione comunità e organizzazioni
islamiche in Italia) in favore dell’ora di religione islamica:
“Se in una scuola – dice - ci sono 100 bambini musulmani, non
vedo perché non si debba insegnare la loro religione. Questo è il
rispetto dell’essere umano”.


Origami/Al via la sfida di Microsoft al mercato dei minipc. Tra
poco più di un mese sarà in vendita “Origami”, che
dovrebbe trasformare il pc ultraportatile “in un gadget indispensabile
quanto il telefonino”. Non è un semplice
concorrente dell’iPod e della Playstation portatile:
Origami che può leggere file Mp3, riprodurre video e integra
una videocamera digitale fonde le funzionalità e la connettività
di un vero pc, un touchscreen da 7 pollici e la maneggevolezza
di un palmare. Costerà fra gli 800 e i mille dollari.


Germania/ Un ladro d’appartamenti,
condannato a un anno di
reclusione, ha evitato finora il carcere
perché da dodici giorni è
afflitto da una forma acuta di priaprismo
(erezione prolungata ndr).
Il quotidiano Bild ha raccontato
nei dettagli l’avventura di Maurice
B., muratore, che già da una settimana
avrebbe dovuto essere in
cella.


Teatro/ Teo Teocoli debutta stasera
al Teatro Smeraldo di Milano
(fino al 19 marzo) con “Teo
Teocoli show”. Le repliche proseguiranno
anche a Bologna (dal 22
al 25 marzo); a Varese (il 30
marzo); aTorino (dal 4 all'8 aprile)
e Genova (dal 2 al 7 maggio).

Thursday, March 09, 2006

La musica dei ricordi.. ogni settimana /1


Do, diamo, il via ad una categoria di posts che hanno lo scopo di portare a galla i ricordi. Spesso accade che una immagine, un profumo, una luce particolare.. ci ricordino momenti della nostra vita passati, forse piacevoli.
Accade la stessa cosa quando si parla di musica. I posts ai quali voglio dare un principo sono posts musicali, canzoni che fanno tornare alla memoria i momenti più belli, e non, dei tempi trascorsi.. chi non ha un ricordo legato ad una canzone?! Per cominciare ne metto una che ha un grosso significato per me.. è una canzone degli INXS che parecchio tempo fa, ormai, mi dava una gran carica.. oggi, il sentimento con cui ascolto la stessa canzone è un po' diverso, forse è dovuto anche al super impianto con subwoofer con il quale lo ascolto, ma posso garantirvi che la carica è la stessa. Chinque sia in grado di postare canzoni che lo legano ad un ricordo particolare è invitato a farlo.. o a chiedrmelo/celo.. io intanto vi auguro un buon ascolto e spero sia di vostro gradimento. Sarà un po' come creare una colonno sonora a questo, ormai vissuto e forse adulto, Diario del Capitano

La canzone della settimana è: INXS --> Elegantly Wasted


N.B.:L'appuntamento di questi post, per quanto mi riguarda, è settimanale. La canzone oggetto del post sarà eliminata alla fine della settima ad essa dedicata.

Wednesday, March 08, 2006

COFFEE BREAK /2



Sexy machine/ In arrivo in
Italia le macchinette che vendono
i gadget del sesso. Con
una media di circa 7,5 euro si
potranno acquistare dai distributori
automatici, vibratori,
liquidi lubrificanti, stimolanti e
oggetti di gomma vari. Nel
Regno Unito è un vero e proprio
boom.

Sanremo/ Sono i Nomadi gli artisti
del Festival che vendono di
più: il loro cd “Con me o contro di
me” è già disco di platino. Segue
Anna Oxa, mentre fra i giovani
trionfa in classifica L’Aura.


Formula 1/ Alonso fa le carte al
mondiale: “Honda, Ferrari e
McLaren sono le rivali. Io però
punto a ripetermi”.


Un pò di POP ART/




L' ultima masturbazione mentale
prima di coricarmi.







Pastaboy
ke ve lo diko a fare , cia' belli!

Tuesday, March 07, 2006

La Gallardo e il dosso.

Quando ho letto il titolo e visto la foto, anche senza scorrere l'articolo, mi son detto: " Vuoi vedere che è la Gallardo Volante?". Andate a rivedere il mio post del 25 febbraio. Ci siamo veramente tutti chiesti come fosse riuscita a rimanere indenne... infatti non è stato così; non solo, ma dal filmato si sente chiaramente che riprende in accellerazione. Abbiamo a che fare con un fenomeno?
Potrebbe anche essere la solita bufala, resta il fatto che una Gallardo Volante esiste, una Gallardo da rottamare pure, la zona geografica coincide....forse non è poi così fantasioso correlarle.

L'A-Team, Bo e Duke e tutta la contea di Hazzard non avrebbero saputo fare di meglio....no forse uno si, Chuck Norris: di controbalzo con un calcio rotante sarebbe riuscito a spedirla direttamente a Sala Bolognese per le riparazioni. ;->


"Il video della Gallardo volante su un dosso a Dubai aveva risvegliato in molti automobilisti il giustificato odio verso i dossi rallentatori piazzati senza una adeguata segnaletica.

Nella foto su Wrecked Exotics (riportata sopra) potete vedere i risultati del volo, in cui il posteriore della Gallardo si era alzato di un metro e mezzo da terra.

Il conto del meccanico rischia di essere astronomico: il frontale e il parabrezza sono sicuramente da cambiare. Ma il segno più 'inquietante' per il proprietario è la ruota posteriore storta, segno che le sospensioni, se non il telaio, hanno subito gravi danni."


Fonte: autoblog.it

Una mimosa per tutte..

Augurando a tutte le donne del Diario, e non solo, di trascorrere una piacevole e divertente festa della donna.. faccio un brevissimo riferimento alla mimosa, immancabile in questa occasione.
Fu l'UDI (Unione Donne Italiane) a sceglierla quale fiore-simbolo delle donne e dell'8 marzo in quanto il giallo esprime vitalità, forza e gioia; il giallo poi rappresenta il passaggio dalla morte alla vita e ricorda le donne che si sono battute - pena la vita appunto- per la nascita di un mondo giusto. Vi regalo un post.. per le vostre "riflessioni".

Donne non lo si è solo per una sera.. vero?!

Auguri a tutte..

Monday, March 06, 2006

COFFEE BREAK


Gossip/
Secondo il Sun, Kate
Moss che combatte da 10 anni
contro la cocaina, nel 1998 arrivò
a sniffare prima di incontrare
Nelson Mandela.

Sex Pistols/
Il gruppo punk inglese
ha accettato di vendere i propri
pezzi alle grandi agenzie pubblicitarie
per farne colonne sonore e
suonerie per telefonini.

Saturday, March 04, 2006

CHUCK NORRIS QUANDO PISCIA

CHUCK NORRIS QUANDO PISCIA INNALZA IL LIVELLO DEGLI OCEANI!

Friday, March 03, 2006

Sport (poco)olimpici... ed alcune anticipazioni!

Pubblico il filmato preparato dal nostro affermato montatore B-Paul, in questo caso anche regista di parte delle riprese. Un video tra il trash e lo splash che vale la pena di pubblicare (anche se un pò lungo). Ritengo che produzioni di tale livello debbano avere il giusto riconoscimento. Un bel premio O-scars!

Pensavo quindi, sotto la spinta dei numerosi contributors, di continuare a pubblicare video e indire un premio per il miglior video del blog. Stiamo preparando quindi alcune sorprese che presuppongono l'utilizzo di tools, come sondaggi on-line, che ci permetteranno di saggiare l'effettivo gradimento dei video.... e non solo.

Questo post è una forma di editoriale a completamento del post numero 100 redatto dal nostro inviato speciale U-jack qualche tempo fa; preparatevi perchè i traguardi del blog sono ancora molti, uno su tutti, il primo compleanno! Preparatevi al Captain's Blog Awards 2006. Speriamo per allora di essere riusciti a suddividere i post anche per categoria (Buridone docèt), un'impresa non facile senza l'ausilio di nuovi strumenti (nuovi software, almeno per me e BP, ufficialmente l'Admin aggiunto del Blog), quali ad esempio Wordpress...magari su dominio indipendente e non proprietario. Lancio il sasso BP.....e se il buon vecchio DM non avesse tanti IMPEGNI, compreso il nuovo elemento in famiglia (non sto parlando di Alice...) ci darebbe sicuramente una mano. Attendo inoltre la comparsa di altri commentatori, e forse nuovi contributors (vero Cacciatore?). Nessuno ha notato l'ingresso di Cyngioster come membro attivo del blog? Attendiamo approfondimenti in campo economico e non, so che si sta documentando......NOVA24 vero?

Rimanete connessi!
Capitano

In un assolato pomerigio di giugno del 2004.. ci siamo dati ad uno sport olimpico.. chi con scarsi risultati.. chi invece ne ha tratto una gloria imperitura.. così il Capitano non sarà più solo una voce narrante..




Black-Paul

CELLULE STAMINALI IN BANCA !

Ebbene è proprio così! C'è chi conserva le cellule staminali del prorpio figlio appena nato in una banca del sangue.
Sembra che la prima piccola ad usufruire di tale possibilità sia la frugoletta INFANTA di Spagna ,o meglio i suoi genitori, i regnanti, hanno deciso di conservare le "cellule della vita" presso la CORD BLOOD REGISTRY di Tucson in America.
Ma facciamo un passo indietro: 1 cosa sono le cellule staminali? 2 quale è il loro utilizzo? 3 dove vengono prelevate?
COSA SONO?
Sono presenti in tutti gli organismi e sono classificate come "non differenziate"cioè non svolgono ancora una funzione precisa.
QUALE UTILIZZO?
Possono essere utilizzate,in virtù del fatto di essere differenziate, per riparare organi e tessuti umani . In particolare se prelevate dal midollo osseo sono utilizzate contro malattie leucemiche.
DOVE SI TROVANO?
Nel nostro organismo sono concentrate soprattutto nel cordone ombelicale,in alcuni tessuti e sono presenti anke nell' embrione.
In particolare nel cordone ombelicale di un "piccino", appena dato alla luce, ne sono presenti ben 2 milioni in 1/10 di sangue.
Questa quantità permette di intervenire sia su pazienti pediatrici che su adulti, fino ad un peso di 50 kg, affetti da leucemia!
LE STATISTICHE DICONO: che i trapianti sono 6000 eseguiti da sangue placentare nel mondo e sono 2000 quelli su adulti.
Torniamo a noi .
Alcuni studiosi ed anche l'Unione Europea, per mezzo del comitato etico, hanno condannato il comportamento tenuto dai regnanti di Spagna. Infatti tale fenomeno sta prendendo piede nella nazione iberica sull' esempio dei due giovani nobili sposi.
La conservazione di cellule staminali dovrebbe essere a scopo solidaristico e non soggetivo! Comunque è stato accertato a livello scientifico che queste cellule non sono sicuramente la panacea contro ogni malattia ed inoltre il oro effetto sarebbe maggiore se ricevute da donatore estraneo.
Sembra allora un gesto per evidenziare le loro possibilità economiche? Serve come sempre ad evidenziare ke solo chi ha i dindi può curarasi?
Di una cosa sono certo , se avessero reso utili le cellule della loro bimba per chiunque,lei compresa, sarebbe stato un gesto umano di rilevante importanza!

Che ne pensate?

Pastaboy
ke ve lo diko a fare! cià belli!

Thursday, March 02, 2006

GIU’ LE MANI DALLA GRAPPA


“X Bacco is Back”

L’esclusiva della grappa è salva, si spera.

Dopo la bozza che toglieva all’Italia la possibilità di proteggere il nomeè stata riscritta la nuova normativa comunitaria sulle denominazioni.Qualche mese fa il mondo della grappa è stato messo in subbuglio da una notizia proveniente da Bruxelles. Nella sua prima formulazione,la nuova normativa dell’Unione Europea riguardante la protezione delle denominazioni tipiche,sembrava escludere la possibilità di difendere l’esclusiva italianità della grappa in quanto nome di prodotto generico e non legato a una regione chiaramente delimitata come è il caso,per esempio,del Cognac.Tutte le associazioni e gli imprenditori si sono subito attivate per segnalare il problema a politici e funzionari e pare che i loro sforzi abbiano avuto successo. La norma è stata riscritta e se,come si prevede,sarà approvata nella versione attuale,non rischieremo di vedere “grappa” Lituana o peggio ancora Ungherese (visto che il Tocai….) sugli scaffali dei supermercati.Per i prossimi 20 anni l’esclusiva italiana sul nome DOVREBBE essere assicurata.Speriamo che sia servita di lezione per altre denominazioni che potremmo,in un futuro non molto lontano,rischiare di perdere.
Per chi vuole saperne di più: La Grappa

Il re degli Sbabbari..

Con questo filmato dovrei suscitare l'ilarità di quasi tutti..
accontento Mrgan.. e condivido un'altra piccola parte della fatidica serata pre-Natalizia..
Attenzione: se non avete una connessione ADSL dovete aver pazienza.. pure troppa forse.

P.S.: XBacco---> com'era il video precedente?.. spero tu riesca a vede anche questo..
P.S.: Starpitti---> potremmo fare qualche filmato delle nostre stanche serate sconnesse.. facciamo un po' di video blogging.. :-)

Wednesday, March 01, 2006

Un tranquillo weekend.. obeso..

Dato che ogni tanto prende il sopravvento la mia vena nostalgica..
Era l'ormai lontano 19 dicembre del 2003.. e, ignari di quello che ci avrebbe prospettato la serata.. mangiammo.. mangiammo.. mangiammo.. fino ad aspettare che arrivasse la...

Erano le 3:15 PM.. ed era il fantomatico Venerdazzo di Natale